I #CofaLetti anche a Ravenna, per sostenere l’editoria indipendente

Leggere crea indipendenzaCosa ci fa un pacchetto di sigarette sullo scaffale di una libreria? E un fustino di detersivo tra la sezione “Novità” e la sezione “Gialli”? E quel pacco di pasta accanto a Dostoevskij? Dopo il successo all’Officina dei Libri di Cagliari, dove sono andati a ruba in pochi giorni, la mostra dei nostri CofaLetti (rassegna di packaging letterari) arriva anche a Ravenna, in un’altra di quelle librerie indipendenti che sanno coltivare un rapporto speciale con il pubblico dei lettori: la libreria Liberamente, gestita da Matteo Diversi.

L’offerta dei packaging letterari in mostra è varia e spazia dal brick contenente un “libro intero parzialmente illustrato” al “diversivo concentrato contro la noia più ostinata”, fino al pacco di “Storie al Testo da consumarsi previa lettura”. All’interno di ogni CofaLetto ci sarà una sorpresa letteraria.

Leggi di più

Internet e libri di carta alleati: un nuovo applicativo web per gli editori

Da qualche settimana in Italia c’è una novità che rende internet e i libri di carta ancora più alleati. Si tratta del primo (e fino ad ora unico) sistema online per preventivare e stampare libri, pensato espressamente per far risparmiare gli editori.

Il sistema si chiama xquote.it ed è nato dall’esperienza di Geca nel settore della stampa di libri. Lanciato  a metà gennaio, in questi primi mesi è già diventato uno strumento quotidiano di lavoro per molti editori, soprattutto indipendenti.

Con xquote.it l’editore può ottenere un’offerta per la stampa dei suoi libri, in meno di un minuto. L’offerta è completa e valida per tre mesi, durante i quali il prezzo rimane bloccato. Il preventivo che si ottiene è quello che realizzerebbe un preventivista esperto, solo che lo si ottiene senza dover attendere che il proprio tipografo risponda. Questo è possibile grazie al complesso algoritmo di calcolo che costituisce il cuore del sistema xquote.it.

A differenza di altre piattaforme web dedicate alla stampa, infatti, xquote.it è stato progettato esclusivamente per il prodotto “libro” e il suo sistema di calcolo tiene conto di tutte le ottimizzazioni possibili per ridurre al massimo i costi di produzione. In questo modo, il prezzo ottenuto è tra i più competitivi del mercato.

Inoltre, il 100% dei libri oggi presenti sugli scaffali di una libreria è preventivabile con xquote.it: il sistema permette all’utente di richiedere tutte le lavorazioni utilizzate nel settore: sbalzi a secco, verniciatura uv, stampa a caldo, plastificazione, etc. C’è inoltre un’apposita sezione dedicata agli allestimenti, come l’inserimento cd, applicazione bollino Siae, inserimento segnalibro, etc. E’ grazie a questa ampia scelta che ci è possibile produrre un’offerta vera e comprensiva di tutto, anche dei costi di trasporto (è possibile indicare fino a tre destinazioni diverse).

Ma una delle funzionalità più apprezzate è la possibilità di creare varianti. Tutti preventivi fatti con xquote.it, infatti, rimangono disponibili per l’utente nel proprio archivio personale. In qualsiasi momento l’editore può richiamare un preventivo già fatto e creare, per esempio, una variante di tiratura. In questo modo, in davvero pochi secondi, è possibile valutare alternative di tiratura o di foliazione; oppure capire qual è la differenza di prezzo tra il libro con la plastificazione o senza; analizzare come cambia il prezzo al variare della carta, etc.

Per utilizzare gratuitamente xquote.it, gli editori possono creare il proprio account da qui. L’utilizzo di xquote.it non comporta alcun obbligo a realizzare poi il libro con Geca. Ma, ovviamente, il prezzo xquote.it è da noi garantito. Se quindi non trovate un prezzo più conveniente sul mercato, potete rivolgervi a noi.

La legge sul prezzo del libro al Senato

Ne avevamo parlato qualche post fa. Ora la legge sul prezzo del libro approda al Senato. Un gruppo di editori indipendenti, che si è battezzato “I mulini a vento”, ha lanciato un appello in cui si chiede la modifica del testo già approvato alla Camera. La legge, così com’è ora, rischia di rappresentare un colpo mortale per moltissimi editori e librerie indipendenti, dal momento che lascia ampio diritto di sconto. Come si sa, gli unici in grado di fare forti sconti per lunghi periodo sono le grandi catene librarie e i grandi gruppi editoriali, che rischiano quindi di mangiarsi i piccoli.

Contro questa eventualità, i mulini a vento lanciano alcune proposte di modifica, molto concrete e molto sensate, che potete leggere in dettaglio nel loro appello.

Postilla: quello condannato a soccombere era Don Chisciotte, non i mulini a vento.